L’ASTA DE LE QUOTE

Pe’ fà comprenne l’asta de le quote,
Piero Angela sarebbe stato adatto.
Nun lo sopporto, ma cià quella dote,
de fà capì la scenza puro a un gatto.
Nun è che fosse ‘na cosa da scenziati,
ma, certi soci, sò proprio compricati.

Pe’ quarcheduno un’ utopia irreale,
chi cià deppiù, pò annà a cormà er divario
cò chi nun cià, e, poi, se fa er totale?
Ma, si scrive ‘na cosa e fa er contrario?
Regà, ma mica stamo ar parlamento,
qui, la parola, è più de un giuramento.

Si quarcheduno, poi, se n’approfitta?
Che c’è chi l’ha penzato sò sicuro,
De che stamo a parlà? De l’aria fritta?
Mo basta chiacchierà, se sta a fà scuro.
Scrivemo ‘sti fojetti e bonasera,
così scoprimo la verità vera.

Habemus Papam, ce l’avemo fatta,
li sorisi, l’abbracci e sbattimano,
avemo fatto piu che pari e patta.
E, pe’ stavorta ha vinto l’ortolano.
Lo scettico puranco cià conforto
e appraude contento d’avè torto.

03/02/2020
Carlo Renzi

L’ASTA DE LE QUOTE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *