LE PORPETTE DE ZUCCA

Premetto che la zucca nun me piace,

come la fai la fai, nun me la magno.

Ma cucinalla,no, nun me dispiace,

me diverto lo stesso e nun me lagno.

Cò quer che ciò a la mano fo un miscujo

e la zucca sparisce ner ciafrujo.

Ner senzo che ho provato, inutirmente,

a mischià li sapori a la rinfusa,

pe’ fà sentì la zucca poco e gnente.

La malandrina mica s’è confusa,

è ricicciata fora alegramente

e ve n’accorgerete sotto ar dente.

Ciò fatto le porpette, ‘na drittata,

così posso ammischialle come vojo.

Pepe, pecorino e noce moscata,

parmiciano, la sarvia e puro l’ojo.

Ciò messo dentro tre etti de patate

e, arfine, un paro d’ova strapazzate.

Si volete sapè la panatura,

chiedete puro che ve spiego tutto.

E mo, a la fine de quest’avventura,

m’arenno conto che sto dappertutto.

Dar cojeme le zucche a la cottura

e la ricetta in verzi innanzitutto.

Perciò, ‘n sia mai rinasco, cara gente,

rinasco uno che nun sa fà gnente.

04/10/2019

Carlo Renzi

 

zucca mantovana e violina

Image 1 of 7

LE PORPETTE DE ZUCCA
Tagged on:         

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *