Abbiamo fatto una riunione del gruppo agricoltura per confrontarci sugli ultimi sei mesi e pianificare le prossime colture. Aspettando il report tecnico, nel frattempo Carlo ci dona il suo punto di vista, sembra che ci legga come un libro aperto, un libro di poesie ovviamente!

REPORTE 26/09/2019

Sò venti bire all’ordine der giorno,

quarche bottia de vino, quello bono,

cacio, pizza e insalata de contorno,

e tutto quer che la tera ce fa dono,

come la crema fatta cò la zucca

e l’uva fragola che se spilucca.

E poi, pe’ dasse un tono, ‘n’importanza,

principamo a parlà de friggitelli,

seguitanno, però a empì la panza

e a tenecce tranquilli li budelli.

Che, nun sia mai restamo cò la fame.

A Francè che m’allunghi quer salame?

Sò poche le zucchine, quest’è certo,

ma se rifamo cò li ravanelli.

Li pomidoro core hanno sofferto,

ma li pantano sò venuti belli.

Savè, passa er chinotto, fa er favore.

Hai visto er topinambur che ber fiore?

Ce vonno assai più braccia, che scoperta,

che, come stamo messi, ‘n ce la famo.

Comincia a fà freschetto e ‘na coperta

s’enghiotte Giulia e Franci, e noi magnamo.

Mo chiudo qui, cò un dubbio e du’ puntini:

Ma chi riccojerà li faciolini?

27/09/2019

Carlo Renzi

REPORTE 26/09/2019
Tagged on:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *