CHE FO PE’ PRANZO?

CHE FO PE’ PRANZO?

15 Febbraio 2021 0 Di editor

Quanno a ora de pranzo ‘n sai che fà
è un momento assai pericoloso.
Dice mi moje: “Fa quer che te va”.
“Sì, m’hai dato un aiuto strepitoso”.
Rimani fra una pasta come sia,
o scatenatte cò la fantasia.

Allora acchiappo quer ber romanesco,
lo fo stufà solo cò ojo e vino.
Già me figuro che verrà un affresco
degno de Raffaello, der Guercino.
Er riso coce a parte, un pò de sale,
coperto tutto dar brodo veggetale.

Poi, quanno è quasi cotto, va in padella
pe’ esse ammischiato ar broccolo stufato.
Ma, pe’ fà gode er gusto e le budella,
ce vo quer tocco un pò più raffinato.
Allora curry, curcuma e cumino.
Mo sì che sarà un piatto sopraffino.

Però nun semo ancora all’eccellenza.
Devo inventamme quarch’antra bizzaria,
quer tocco in più, che fa la differenza.
Si guardi bene la fotografia,
quer bianco che se vede all’impiattata,
sò tre bei ciuffi de panna montata.

12/02/2021
Carlo Renzi