LA PASTA A LA PAOLINA

LA PASTA A LA PAOLINA

3 Febbraio 2021 0 Di editor

De li frati c’è poco da fidasse,
ma, in cucina, hai da lassalli stà.
Hai da capì er magnà a quattro ganasse,
fra povertà, obbedienza e castità,
solo piacere è soddisfà er palato,
senza temè da potè fà peccato.

Nun so perchè è chiamata a la Paolina,
ma mo, a le chiacchierate, damo un tajo,
banno a le ciance che se va in cucina.
Pija prezzemolo, porro e spicchio d’ajo,
pommidoretti secchi, ‘na decina
e facce ‘na tritata fina fina.

Tre, quattro giri d’ojo e, a un dipresso,
li fai stufà a fanne ‘na portija.
Pia un broccolo romano e fallo lesso,
de pommidoro ‘na mezza bottija
e poi l’ammischi ar trito ch’hai stufato.
Un quarto d’ora e er sugo è preparato.

P’er bucatino è la mejo morte,
ma puro er rigatone ce sta bene.
come te piace, paste lunghe o corte.
Poi vedi sicchè pranzi, sicchè cene.
Nun ce credo, ma, a petto de ‘st’incanto,
aringrazzio li frati cò Dio Santo.

P.S.: Si ‘sta ricetta la voi fà più bella,
un chiodo de garofano tritato,
appena ‘na puntina de cannella
e un pò de pecorino grattuciato.

02/02/2021
Carlo Renzi