LE PUNTARELLE

LE PUNTARELLE

30 Dicembre 2020 0 Di editor

Mò che nun damo più li ravanelli,
c’è la questione de le puntarelle,
stanno puro a fregà li friggitelli.

Me dicheno, e nun credo sò storielle,
che le lasceno lì, sopra ar bancone,
de quarche punto de distribbuzzione.

Nun è che, putacaso, bella gente,
nun sareste capaci de capalle?

Ma mamma vostra nun v’ha detto gnente?
Nun v’azzardate, sant’ Iddio, a buttalle!

Sò ‘na bontà che poco ce sta eguale.
E’ vero che sò un piatto reggionale,
l’ amo dovuto spiegà ar presidente,
ma, doppo ‘na cert’ora è un tipo svejo,
mò ha afferato er concetto e fa er docente.

Te pò imparà come capalle ar mejo.

E, allora, ve lo spiego a tutti quanti,
ma doppo gnente scuse ‘n ce sò santi.

Er bello è che potemo magnà tutto.

Le foje attorno come la cicoria,
arivi ar centro ch’è come fosse er frutto.

Mò qui incomincia tutta ‘n’antra storia.

E’ un ciccio duro cò quarche cimetta,
è questa qui la parte che s’affetta.

Quella che tieni in mano  è la puntarella.

Taja a mezzo pe’ lungo, dentro è vota,
riempi d’acqua, poi, ‘na bacinella,
mò affetti fino fino, prendi nota,
la ficchi dentro l’acqua che s’ariccia,
mezz’ora de lavoro e ce se spiccia.

A ‘sto punto hai fatto du’ contorni,
puntarelle e le foje ripassate,
ce poi stà bene puro un par de giorni.

Pe’ connille, pe’falle prelibbate,
acciughe, aceto, ajo e un ber pò d’ojo.

Io v’ho da dì, l’acciughe ‘n ce le vojo,
mejo lassalle libbere ner mare.

Mettete, invece, li pommidoretti,
quelli essiccati, e fate un bell’affare,
godete voi, l’ambiente e li pescetti.

Mò, invece de lascialle annà in rovina,
le puntarelle portatele in cucina.

28/11/2019
Carlo Renzi