‘Sto giro famo er pesto genovese.
Er basilico e l’ajo ce l’avemo.
Puro si, p’er basilico, è palese,
che nun è quello dop che magneremo.
P’er resto è er giro de le sette chiese.
Er parmiciano a Reggio lo prennemo,
avrà da esse romano er pecorino
e l’ojo sarà mejo si sabbino.

Er sale grosso quello sicijano.
Così ner pesto, detto genovese,
dar nord ar sud c’è er popolo itajano,
cor gusto antico de ‘sto ber paese.
Mo tiette tutto commodo a la mano.
Dentro ar mortajo metti sale e ajo
e pista fino a diventà ‘no squajo.

Basilico a pezzetti e, si sei saggio,
sbrighete, er pesto te se pò ossidà.
Puro si certo merita all’assaggio,
nero de seppia te potrà sembrà.
Poi li pinoli e doppo viè er formaggio,
poco pe’ vorta e seguita a pistà.
Cò l’ojo poi finì ‘sta faticata,
e finarmente, fatte ‘na magnata.

Do la dose che in quattro ce magnate,
ma ‘n ve la posso dà in poesia.
Vorei, però, che prima ce penzate,
che, fallo a modo, è quasi ‘na follia.
Allora è mejo che lo rigalate
a chi cià più pazzienza e fantasia.
Ma sò sicuro che, appetto a ‘sta freganza,
nun resistete a empivvece la panza.

20/07/2020
Carlo Renzi

Basilico 25 gr( le foglie non vanno lavate, ma pulite con un panno)./olio e.v.o.50 ml./parmigiano reggiano 35 gr./pecorino 15 gr./ pinoli 8 gr./aglio mezzo spicchio/ sale grosso un pizzico.

ER PESTO GENOVESE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *