All’Itajano tojeje la pasta,
vedi che s’entristisce e te se lagna.
Fosse pe’ lui, mai te direbbe basta,
come sia sia connita se la magna.
Che sia cò la verdura ripassata,
cò la sarsiccia, oppuro a l’arabbiata.

Cor connimento novo ce va a rota
e, de sicuro, ce fa un penzierino,
si je consijo le barbe de carota.
Quer sapore fra er dorce e er piccantino
e, vagamente, un pò prezzemoloso,
cor granne preggio che nun è costoso.

Pijate foje e gammi tenerelli,
cotti in padella, a crudo, all’ajo e ojo.
Tutta qui la ricetta, fiji belli,
facile facile, senza impiccio e imbrojo.
Er basilico a crudo è sopraffino
e, forze forze, un pò de pecorino.

Sempre importante è che ‘n buttate gnente,
che sò ore de fatica e de sudore,
pe’ favve mette quarcosa sotto ar dente.
Si lo buttate, a noi ce piagne er core.
Gnente scuse, basta ‘na cucchiarella,
quattro ingredienti, la pasta e ‘na padella.

21/06/2020
Carlo Renzi

PASTA CO LE BARBE DE CAROTA

Un pensiero su “PASTA CO LE BARBE DE CAROTA

  • 8 Luglio 2020 alle 02:43
    Permalink

    Simpaticissimo. Sicuramente proverò questa ricetta perché da buona italiana non direi ma basta dell’amata pasta e non butterei mai niente.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *