Hortum Nostrum Giugno

Hortum Nostrum Giugno

22 Giugno 2020 0 Di editor

Il nostro non è solo un campo dove nascono verdure genuine, pure, naturali, il nostro è un campo partecipato, coltivato da tanti volontari che ogni giorno si incontrano, sudano, imparano e crescono insieme.

Ci piace raccontare la Natura, la sua evoluzione ma ci piace anche contestualizzarla in un cambiamento sociale. I soci che si sporcano le mani o che semplicemente mangiano quello che questi ettari di terra ci donano, stanno vivendo una rivoluzione alimentare e sociale possibile e concreta.

Le stagioni cambiano, non sono mai le stesse pur ripetendosi, e ci insegnano nella loro semplicità che l’unico modo per crescere è quello di non essere mai statici. E noi della CSA non lo siamo MAI.

Noi danziamo fra le foglie, ci emozioniamo per una ranocchia, ci arrabbiamo quando qualche vivaio ci fornisce semi sbagliati, sorridiamo all’alba e beviamo al tramonto. Coloriamo, pensiamo, discutiamo, diserbiamo, scriviamo poesie sui cipollotti e le rendiamo metafore di vita.

Ci apriamo al mondo, agli essere umani che vogliono partecipare al nostro lavoro, accogliamo le idee e le rendiamo concrete.

Siamo puliti? NO. Siamo sporchi della nostra terra.

Notizie dai campi

Giugno è il mese del diserbo e dei primi raccolti abbondanti. Passiamo tanto tempo a togliere la cuscuta, pianta spontanea che infesta i nostri campi. Lo possiamo dire…ci sta mettendo a dura prova.

Ma tantissimi volontari vengono sui campi, sotto al sole, ad aiutare i soci lavoratori impegnati nella programmazione del prossimo autunno-inverno.

Raccolta dopo raccolta aumenta la generosità della nostra terra. Zucchine, pomodori e insalata in abbondanza.
Sono arrivate anche barbabietole,  cetrioli, melanzane, peperoni e peperoncini.

Dopo il mese di maggio, senza neanche una goccia di pioggia, finalmente a giugno sono arrivate le prime perturbazioni che hanno bagnato la nostra terra rendendola umida, morbida e produttiva.