Noi qui imparamo er senzo de la vita.
Basta guardà che fanno le verdure,
s’arzeno su, come slungà le dita,
vanno a cercà la luce ‘ste crature,
cor sole che je fa da calamita.
No come noi che, pieni de paure,
prima d’arzà la coccia e guardà er sole,
cò li penzieri famo le crapiole.

E poi, in natura, nun se butta gnente,
quello che dimo scarto fertilizza.
Capischi che vor dì onnipotente.
La foja che marcisce, poi, riattizza,
er foco de la pianta è dirompente,
ripija forza e vedi come schizza.
Noi, invece, stamo a fà lo schizzignoso,
in un monno così meravijoso.

Ma mo stavorta ciavete l’occasione
de comincià a capì quer che c’è sotto,
Come ‘na spece de meditazzione,
pijate fra le mano er cipollotto,
entrate dentro la sua vibbrazzione,
è un dono de la tera, un dono jotto*.
Nun va sprecata manco ‘na fojetta.
Stavorta però nun do la ricetta.

Create, più cor core che la mente,
come inventà la vita ogni momento.
Unica regola, nun se butta gnente.
Forza e coraggio, sta a inizzià er cimento.
Che si state in ascorto, certamente,
er cipollotto darà er suggerimento.
Parlerà ar core e a la fantasia
e er corpo godrà ‘na jottoneria.

16/06/2020
Carlo Renzi

Jotto, ghiotto

ER CIPOLLOTTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *