La ricetta di oggi… é un antispreco!

Siamo in primavera, in un periodo sicuramente difficile e allora vediamo di risparmiare e soprattutto non sprecare…

Fave ne abbiamo ? Allora dopo averle sbucciate e utilizzato i semi magari con un buon pecorino romano, sciacquiamo bene sotto l’acqua i bacelli vuoti. Fatto ? Li avete puliti bene delle impurità dei piccoli ammaccamenti ? Vi ricordo che questa ricetta va fatta subito dopo la sbucciatura altrimenti il baccello diventa scuro.

Prendiamo una pentola mettiamoci dell’acqua , quando bolle buttiamo dentro le “bucce” delle fave per 5 minuti , se sono molto grandi 6-7 minuti. Scolate bene bene , togliete tutta l’acqua in eccesso magari anche con uno strofinaccio pulito.  Prendete una padella e metteteci dentro o aglio o cipolla o anche entrambi, qui dovete seguire i vostri gusti …rosolateli con un po’ di olio buono … Tagliate le “bucce“ su un tagliere in pezzetti da circa un centimetro e mettetele a rosolare nella padella .

Se volete aggiungere un po’ di vino bianco va bene, ma poco!

L’ideale è aggiungere piano piano e poco alla volta l’acqua della cottura delle bucce. Dopo una decina di minuti , potete condire con peperoncino o pepe e sale a piacere …un ultima scaldata e vai in tavola.

Volete aggiungere scaglie di parmigiano o pecorino? ottimo! Oppure sempre a scelta nel “rosolamento” potreste aggiungere tocchetti di pancetta in modo da insaporire ben bene e alzare l’indice dl colesterolo totale HDL .

Buon appetito !

Lo sapevi che… si mangiano anche i baccelli delle fave!
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *