Inauguriamo, con il mese di marzo una nuova rubrica che ci accompagnerà per tutto l’anno, il nostro secondo anno. I soci lavoratori ci racconteranno il lavoro sui campi, il terreno, le semine e la raccolta.

La produzione del cibo, sano, partecipato, condiviso parte dalla terra, dalla giusta programmazione e dal lavoro intenso.

La nostra consapevolezza

Siamo cresciuti. Il primo anno agricolo è stato importante per capire la nostra forza, conoscere il terreno e settare la programmazione per assicurare a tutti i soci la stessa distribuzione settimanale. Abbiamo costruito le serre, risorsa fondamentale per molte piante e per assicurare abbondanti raccolti. Abbiamo acquistato macchinari e capito i punti di forza e di debolezza del lavoro agricolo nella CSA.

E ora si riparte con più determinazione e più esperienza.

Marzo mese a dimora

Marzo è un mese con tempo variabile, instabile e per l’agricoltore è un mese di semine. Pianteremo le patate (grande novità del 2020), topinambur, rucola, ravanelli, insalata e carote. Queste ultime fanno parte della sperimentazione di questo nuovo anno, una sfida che i nostri soci lavoratori hanno accettato con entusiasmo pur sapendo che il terreno con il quale lavorano ogni giorno è pesante per accogliere questo ortaggio….ma ci proviamo perché ogni sfida è un momento di crescita per tutti.

Le serre che avevamo perso a febbraio a causa del vento sono state ricostruite con l’aiuto di molti soci e ospiteranno: pomodori, melanzane, peperoni e peperoncini.

Marzo mese di preparazione

Marzo è anche un mese di preparazione. Ultimeremo i lavori al nostro capanno, sistemeremo tutte le aree che ci serviranno da aprile in poi e rimetteremo in funzione le celle frigorifere e il magazzino. Queste attività devono essere necessariamente svolte ora perché la terra è ancora troppo bagnata per mettere a dimora tutti i prossimi raccolti.

Il panorama in CSA

Stiamo vivendo giorni di emergenza e di crisi che ci vede tutti coinvolti inaspettatamente.

La CSA ferma tutte le presentazioni del progetto per limitare il contagio ma il lavoro sui campi va avanti. Il gruppo agricoltura ci terrà aggiornati con la speranza di poter tornare presto, tutti insieme, a condividere progetti, incontri e prodotti della nostra comunità.

Hortum nostrum – Marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *