La nostra CSA Semi di Comunità é figlia della prima CSA italiana Arvaia, Bologna, a lei ci siamo ispirati nello scegliere questa particolare forma di azienda agricola condivisa. Arvaia a sua volta si é ispirata alla GartenCoop di Friburgo, da cui anche noi abbiamo preso molti spunti. Quindi é come se fossero un pó i nostri nonni agricoli. Siamo andate a visitare la cooperativa che ora ha 9 anni.

insegna gartencoop

Amministrazione

La CSA si basa sulla condivisione di rischi e benefici, superando il binomio qualitá-prezzo. Il lavoro volantario contribuisce alla sopravvivenza della comunità anche se, con le entrate ricevute, si riescono a pagare molti lavoratori e lavoratrici. La quota suggerita per avere una parte delle verdure sarebbe del valore di 800€ l’anno. Il sistema utilizzato, però, è quello dell’asta delle quote, per cui se qualcuno non raggiunge la cifra suggerita puó comunque ritirare la sua quota.

Armadio Condiviso

Con le entrate attive riescono a rimborsare:

  • 1 amministratore
  • 1 comunicatore
  • 1 facilitatore per la partecipazione dei soci
  • 7 agricoltori/rici per un part time all´80% (ossia 4 giornate lavorative) pari a 1200€. In Germania non é tantissimo, ma é sicuramente dignitoso

I lavoratori vengono forzati a non fare piú di quanto pagato perché in particolare gli agricoltori hanno in passato retto una media di 2 anni, per poi tornare al loro precedente lavoro. Questo succede quando il lavoro dei tuoi sogni si mischia alla tua passione ideologica e non si riesce mai a staccare. Stanno cercando di evitare che questo succeda di nuovo, quindi non si risponde alle mail ed al telefono quando si é fuori servizio e non si partecipa come organizzatori agli eventi aggregativi, dove possono andare… solo a divertirsi.

Lavaggio delle verdure

Hanno comprato 4 trattori, e diversi macchinari, e sono sempre alla ricerca di nuovi/e soci/e.

Piano colturale

La superficie effettivamente coltivata è di 4 ettari, il terreno é di 12 ettari.

La coltivazione si basa su 12 anni di rotazioni. Per 2 anni il terreno è lasciato alle vacche al pascolo. Questo esperimento era stato introdotto con l´intento di produrre stallatico fertilizzante in loco. Hanno iniziato con 7 vacche ma ora ce ne sono solo 4. La scelta è stata quella di non andare avanti con il progetto: si sono, infatti, resi conto che la cacca delle vacche non è sufficiente a fertilizzare la superficie coltivabile. Inoltre attualmente nessuno abita piú nella fattoria, il recinto é diventato limitante per la qualitá della vita delle vacche e la mancanza di un pastore non permette alle mucche di pascolare in libertà.

Producono circa 70 varietá nell’arco dell´anno, tra verdure e cereali.

Ecco un paio di esempi:

  • 1200 mq sono coltivati a grano. Per ogni quota riescono a distribuire circa 5 kg di farina e grani interi.
  • 6000 mq di terreno sono di patate. Il risultato è di circa 800gr a settimana di patate, per 3 mesi all’anno.

Distribuzione

Per molto tempo la GartenCoop di Friburgo ha sostenuto 200 quote, ora sono 280 divise in 17 punti di distribuzione, 12 famiglie di media in ognuna.il piú piccolo dei punti di distribuzione é di 7 famiglie.

Un solo grande punto di distribuzione che comprende ben 25 famiglie ha alcuni problemi di gestione.

Riusciamo a distribuire 280 e vogliamo arrivare a 300 quote, quindi cerchiamo ancora soci/e, siamo in crescita!

GartenCoop di Freinurg

Le verdure, prima sono caricate su un furgoncino e portate ai confini della cittá, poi vengono ri-suddivise e trasportate con la bicicletta nei diversi punti di distribuzione.

Quando le persone ritirano la verdura spuntano la loro casella di conferma e controllano da quella stessa lista a chi tocca pulire, cosí anche il punto di distribuzione viene completamente autogestito, senza gravare sull´ospitante.

Comunicazione

Le iniziative di comunicazione sono molteplici:

  • Un programma radiofonico mensile a tema agricoltura realizzato direttamente dai membri della GartenCoop. Il programma viene trasmesso da una radio libera locale autogestita.
  • Volantini informativi in carta da pacchi non sbiancata!

Hanno scelto di vietare le chat come mezzo di comunicazione. Sicuramente ce ne saranno alcune autoorganizzate, ma la linea ufficiale perseguita è quella dell’incontro faccia a faccia limitando al massimo la comunicazione attraverso lo schermo.

Questa scelta non viene da un’auspicio di primitivismo, anzi l´alfabetizzazione informatica é alta, tant’é che il loro sito é multiuser, ed ogni membro ha un account con cui coordinare il car sharing e lo scambio di verdure. Viene bensì dalla necessaria protezione della privacy che in Germania ha sempre dovuto sosttostare ad organismi di controllo. Quindi mentre le comuni chat commerciali sono su server esterni che rivendono le informazioni a stato e pubblicitari, il loro sito é su un server appartenente al movimento e si rifiuta di collaborare per rivendere informazioni non rilevanti alla sicurezza pubblica. Non a caso in Germania è anche sconsigliato fotograre persone, e noi rispettiamo la loro libertà, fotogrando solo l´ombra della contadina che ci mostra la zona da dove parte la distribuzione.

Protezione della privacy

La nostra visita si conclude con l´augurio di scambiarci semi e visite reciproche, stiamo facendo la stessa lotta e niente aiuta di piú che condividere problemi e soluzioni!

insalata filiforme!
Visita alla GartenCoop di Freiburg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *