LA SOLITA AMMAZZATA

Puro stavorta è stata ‘n’ammazzata.
E che ce vò a infilà li rubbinetti,
cò la tecnica giusta è ‘na bojata.
Trac e metti ‘sti cosi benedetti.
E così, emuli de quer tar Leonardo,
‘n’invenzione ar minuto, ‘n sò buciardo.

Mettece er grasso, mejo in ginocchione,
a me me pare che fo mejo in piede,
io è mejo che ce monto a cavarcione.
Forza, dai, spigni, tira, er tubbo cede.
A un certo punto poi, nun sai perchè,
quer coso entra e provi un nonsocchè.

Fa ‘sta manfrina sei sett’ore sane
e dimmelo tu, poi, come te senti,
stai sderenato pe’ du’ settimane.
‘N sarà er caso da fà li testamenti?
Si seguita ‘st’annazzo, ce poi crede,
le verdure le magnerà l’erede.

27/03/19
Carlo Renzi

La solita ammazzata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *