ER MERCOLEDDI’ NERO

‘Stavorta è stata proprio ‘n’ammazzata
e ve devo da dì, sinceramente,
che, pe’ avella svortata la giornata,
dovemo ringrazzià l’Onnipotente.
Puro si nun ce credo, e questo è vero,
a quarcuno dovemo accenne un cero.

Mo v’aricconto quello ch’è successo.
Figurateve sei morti de sonno,
che s’erino svejati, a un dipresso,
ancora prima che se svejasse er monno,
pe’ riccoje mijara de verdure,
come si n’esistessero paure.

Sei coraggiosi, cor cortello in mano
e l’elastici dentro la saccoccia,
che ‘n sembraveno avè gnente d’umano
e, da un ber pò, esse esciti de capoccia.
E ‘ndove fanno le distribbuzzioni,
diceveno: “ Corete lumaconi,

ce sò li soci che stanno a aspettà ”.
Allora ‘n’antra vorta, per favore,
si proprio ‘n ce volete fà ammazzà,
venitece a ajutà pe’ un paro d’ore.
Date ‘na mano e er muscolo s’addestra,
così ve sparambiate la palestra.

19/09/2019
Carlo Renzi

ER MERCOLEDDI’ NERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *