LA BRUSCHETTATA

Se famo ‘na bruschetta ajo e ojo.
Er pane è bono, che lo faccio io,
l’ajo è quello nostro, senza imbrojo
e l’ojo magna in testa a quello bio.
Nun te devi da perde ‘st’occasione,
sinnò poi te ne penti ‘n fà er fregnone.

T’offrimo poi la nostra compagnia,
e un logo che apre er core e anche er pormone.
Portete puro mamma, nonna e zia,
portete chi te pare ‘n c’è quistione.
Noi accojemo tutti a braccia aperte,
venite in tanti che ce se diverte.

Nun potemo sfamavve a tutti quanti,
perciò, si volete magnà quarc’artra cosa,
portatelo da casa, ‘n ce sò santi,
così la festa sarà più appetitosa.
Venerdì alle sei e trenta in ciessea
e famo festa fino a che ce và.

08/07/2019
Carlo Renzi

LA BRUSCHETTATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *