MELANZANE A LA PARMICIANA

N’è ‘na ricetta pe’ chi vò stà a dieta,
ne pe’ chi dice: “ Er fritto me fa male,
pe’ questi l’amo data già la bieta.
La melanzana è l’attrice principale.
Dice: “ Poi falla puro su la grija! “
Sì, ma nimmanco un pò j’arissomija.

La melanzana va fritta, è papale,
poi sceje er modo e la tradizzione,
buttata dentro all’ojo tale e quale,
o ripassata in farina a l’occasione.
Si poi voi fà ‘na cosa esaggerata,
allora la poi fà fritta dorata.

Sur fritto, bada, te ce giochi tutto.
Come fai fai deve da escì croccante,
morbido dentro e de fora asciutto.
Da ‘sto passaggio hai da sortì trionfante.
Mo annamo avanti, sinnò quanno magnamo,
der fritto, poi, più in là ne riparlamo.

Ortre che er parmiciano grattuggiato,
ce vonno pommidoro e mozzarella.
St’urtima asciutta e ar gusto dilicato.
Er pommidoro lo schiaffi in padella,
ce aggiugni er dado de l’antra ricetta,
se deve strigne un pò, nun avè fretta.

Mo, preparato tutto, sta in campana,
hai da ammischialli, però ar modo giusto.
Sugo sur fonno e, poi, le melanzana,
poi ancora sugo e mozzarella a gusto.
De parmiciano dai ‘na sporverata
e via così, vedrai sicchè magnata.

Hai da fà ar giusto modo la frittura.
A centottanta gradi per lo meno.
Pe’ fà questo, l’ojo, a temperatura,
ha da esse de ducentodieci armeno.
Che, quanno metti er fritto, poi, s’acquatta
e friggi a la temperatura esatta.

Lo tiri fora a riposà su un piatto,
riporti l’ojo a temperatura,
poi lo ribbutti dentro ippisifatto.
Lo tiri fora e asciughi la frittura.
A ‘sto punto, si hai fatto bene tutto,
er fritto viè croccante e bello asciutto.

Carlo Renzi
03/07/2019

MELANZANE A LA PARMICIANA
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *